IoT e AI: come la tecnologia contribuisce a una crescita sostenibile

In un mondo sempre più interconnesso e dipendente dalla tecnologia, Internet of Things e intelligenza artificiale diventano un binomio fondamentale per promuovere la crescita sostenibile delle aziende. Tra oggetti intelligenti e software analitici, infatti, è possibile misurare i consumi energetici e le inefficienze operative, garantendo l’ottimizzazione e l’innovazione dei processi in qualsiasi settore.

A fronte di un panorama economico incerto e sempre più competitivo, le imprese si trovano ad affrontare una serie di sfide cruciali: dalla crisi energetica al cambiamento climatico fino agli obblighi di compliance in materia di sostenibilità. Pertanto, l’adesione ai criteri e il monitoraggio delle performance ESG (Environmental, Social and Governance) diventano scelte mandatorie e non procrastinabili per qualsiasi organizzazione.

La sustainability, infatti, diventa un fattore a supporto della crescita aziendale. Oltre a essere legalmente conforme e non sanzionabile, un’impresa sostenibile viene ritenuta più affidabile, etica e lungimirante, ottenendo una pluralità di vantaggi. Tra i benefici figurano:

  • guadagno in reputazione presso i clienti con aumento delle prospettive di business
  • maggiori chance di accesso al credito
  • possibilità di usufruire di sovvenzioni pubbliche o private destinate a progetti ESG
  • opportunità di ampliare il ventaglio dei partner all’interno della supply chain

 

IoT e AI: la sostenibilità come leva competitiva

A fronte di tanti benefici, le aziende dovrebbero darsi quindi l’obiettivo di una crescita sostenibile , sfruttando le soluzioni IoT e AI come strumento di supporto strategico.

Infatti, per migliorare e valutare oggettivamente l’efficacia delle azioni intraprese a favore della sostenibilità, servono parametri quantitativi, che vanno misurati nel tempo e con continuità. Da qui l’importanza dell’Internet Of Things e dell’artificial intelligence, soprattutto nell’ambito delle iniziative green. Il nexus tecnologico, infatti, permette di raccogliere e analizzare grandi volumi di dati, rivelando lo status quo, formulando previsioni e suggerendo interventi migliorativi.

I sensori e i dispositivi smart, ovvero dotati di connettività e talvolta di potenza computazionale, permettono di collezionare un immenso patrimonio di informazioni, ad esempio relative allo stato di un macchinario, alle condizioni ambientali di un impianto oppure al funzionamento di un processo. I dati vengono quindi trasmessi alle soluzioni analitiche, potenziate dall’AI in cloud , per essere processati e fornire un quadro preciso e attendibile della situazione.

 

Le applicazioni IoT-AI in chiave sostenibile

Le potenzialità della sinergia IoT e AI possono quindi trovare un chiaro indirizzo applicativo a supporto delle strategie di sostenibilità delle aziende, ad esempio per recuperare efficienza energetica e minimizzare l’impronta carbonica.

Grazie alle analisi e agli algoritmi di intelligenza artificiale , i decisori aziendali possono comprendere i consumi e le emissioni di ciascun processo, esaminando possibili soluzioni per ridurre lo spreco di risorse, le inefficienze operative e l’impatto ambientale.

Tuttavia, Internet Of Things e intelligenza artificiale possono concorrere anche per favorire la vera innovazione di processo, oltre che la semplice ottimizzazione. Gli analytics, infatti, permettono di estrarre evidenze nascoste dalle informazioni, con la possibilità di studiare e attivare modelli di business alternativi più ecologici.

Ad esempio, i magazzini intelligenti (dotati di sensori IoT e connessi agli analytics) possono favorire una migliore gestione delle scorte a magazzino e abilitare un approccio Just-In-Time della produzione, riducendo lo spreco di prodotti invenduti, l’inquinamento di processi non necessari, la quantità di rifiuti da smaltire. IoT e AI possono supportare anche l’economia circolare, perché consentono una maggiore visibilità sull’intera supply chain con il vantaggio di una migliore pianificazione orientata al riciclo e al riuso.

 

IoT e IA: nuove competenze per una crescita sostenibile

Insomma, l’integrazione tra IoT e AI sta aprendo nuove frontiere per lo sviluppo sostenibile, offrendo alle aziende gli strumenti per operare in modo più efficiente e responsabile. Tuttavia, per comprendere e sfruttare appieno entrambe le soluzioni, sono necessarie competenze tecniche e know-how specializzato, difficilmente presenti in azienda. Pertanto, affidarsi a un partner esperto, con referenze in progetti analoghi, può essere l’alternativa preferibile per accelerare la crescita sostenibile, cogliendone tutti i vantaggi.